trip da giardino


Mi hanno detto: “chi ben comincia è a metà dell’opera”. Ma come faccio a cominciare bene?

Vediamo. Forse è una questione di impegno. Pensaci. In effetti. Quante volte hai iniziato qualcosa con tutte le buone intenzioni e poi hai mollato alle prime difficoltà? L’impegno non basta.

Dunque, mi stai dicendo che è un problema di costanza, vero? Ecco. Vedi. Parti pieno di buone intenzioni, non ti arrendi alle prime difficoltà, resisti alle seconde, la cosa si complica, ma tu sei irremovibile. Alla fine raggiungi il traguardo. Oddio, ho completato l’opera e ora… Non sei soddisfatto, vero? Uhm… No, non è neanche un problema di abnegazione.

Forse sbaglio obiettivo o metodo per raggiungerlo, allora? Obiettivo… Siamo seri, se sbagliassi obiettivo, questo discorso non avrebbe senso. Dunque, l’obiettivo è giusto ma il metodo è sbagliato. Riparti ancora una volta, carico di buone intenzioni. Resisti. Fallisci. Cambia metodo. Fallisci ancora. Riprova. Provali tutti. Fin quando non sei soddisfatto. Non sei ancora soddisfatto? No, in effetti non sei ancora soddisfatto. Qual è il tuo problema, amico?

Stai forse cercando di dirmi che il problema non c’è? Ah. No? No. Il problema sono io? Ecco, adesso il problema sono io. Grazie, no, moltre grazie, anzi grazie mille. Sei proprio di grande aiuto. Come dici? Aspetta? Aspetta cosa. Aspetta il giorno giusto in che senso? Ah… Quindi per iniziare bene basta cominciare il lunedì? Meglio se primo giorno del mese, ancora meglio se primo giorno dell’anno. E io quando inizio?

Dunque, se vuoi iniziare perfettamente, ti tocca aspettare un bel po’:  la prossime data disponibile è Lunedì 1 Gennaio 2018.

Se hai fretta, però, puoi cominciare abbastanza bene Lunedì 1 Marzo 2010 e Lunedì 1 Novembre 2010.

Se salti la finestra di Marzo e non vuoi aspettare Novembre, potrai cominciare col piede giusto un lunedì qualsiasi dei prossimi mesi.

Ma, a quel punto, se fossi in te, darei almeno un’occhiata all’oroscopo.

Annunci

ma a me, il primo maggio, il “concertone” – cito testualmente il tg3 – ha, su di me, questo potere impressionante tipo l’isola di lost: mi trascina indietro nel tempo.

“con me la fame chimica viene sempre sconfitta dalla pigrizia chimica” – si parlava di abbandonare il divano per andare a prendere un gelato.