consigli per la brava padrona di casa


(detto anche “cosa fare per evitare che la verdura ti cacci di casa”)

(ma anche “cucinare senza sudare troppo”, ovvero “cacciare roba in forno e andarsi a nascondere nella stanza con l’aria condizionata finché non suona il timer”)

mulignane a fette al forno

peperoni gratinati

pesce al forno con pomodorini, peperoni, patate

sfoglia salata con melanzane formaggio e salame piccante (variazione su ricetta originale di Viditu)

stay tuned.

Annunci

un oggetto non è mai perso. è semplicemente preso in ostaggio dal Vortice Spaziotemporale del Caos (che, a casa mia, ha il suo epicentro in una zona compresa tra l’ingresso e la prima sedia disponibile per l’appoggio borsa).

il suddetto Vortice Spaziotemporale è sempre disponibile a rendere indietro l’oggetto preso in ostaggio. solo che come riscatto vuole un altro oggetto.

esempio. hai perso il rossetto? quando lo ritroverai, ti accorgerai che non trovi più il cappello di lana grigia con la spilla di feltro. e via dicendo.

questo atteggiamento, tipico del Vortice, potrebbe erroneamente essere decodificato come Cattiveria, ma non è così. il funzionamento del Vortice si basa su un complesso sistema di Equilibrio dell’Entropia, che serve a controllare il numero di cianfrusaglie sparse in una casa. è evidente che se il Vortice smettesse di funzionare, restituendo tutti gli oggetti, l’Entropia si espanderebbe fino a far collassare l’universo.

quindi facciamo finta di non aver bisogno di quel braccialetto tanto carino o di quel cappello. facciamolo per il bene dell’umanità.

un rossetto perso non è mai davvero perso, è sempre dentro una borsa.
il problema è capire di quale borsa si sta parlando.

una delle borse della signora maria

una delle tante, estate 2008, mi serviva una foto con una borsa. chissà lì dentro cosa ci è rimasto.

care signore desiderose di fare regali prestigiosi: io ho trovato la mia soluzione.

ho scoperto da poco il sistema smartbox.

sono pacchetti regalo per una o due persone, organizzati per tema: degustazione, attività avventurose, soggiorno di lusso, trattamenti benessere, eccetera. chi fa il regalo paga il pacchetto. chi lo riceve, ha un cataloghino in cui scegliere la location e l’attività, poi prenota, si presenta sul posto, e fa quello che gli è stato regalato: una degustazione, un’attività sportiva, un trattamento spa, una notte in albergo di lusso, cose così. i prezzi variano da meno di 30 euro a circa 300.

l’ho eletto a svolta-regalo ufficiale del momento.

intanto, col pacchetto soggiorno-benessere per due, ci abbiamo festeggiato l’anniversario di matrimonio. niente male.

030609

(la piscina a strapiombo è il mio nuovo must have.)

una bella ciucca di birra, come non te la prendevi da dieci anni.
il risultato è garantito: la mattina dopo, ti senti come a 20 anni.

foto di ethicalstyle.com

foto di ethicalstyle.com

sono qui oggi per parlarvi del cavolo rapa.

cavolo rapa, interno sera. inceratina con girasoli courtesy of signora maria.

cavolo rapa, interno sera. inceratina con girasoli courtesy of signora maria.

il cavolo rapa, a differenza del sedano rapa, che fa schifo, è buonissimo. è buonissimo, e ci si fa una pasta che è la fine del mondo. non capisco perché nessuno se lo fili: nei supermercati di quartiere è introvabile. mio padre sostiene che, oltre a me, se lo mangiano solo i tedeschi, al mondo, ecco perché. ma io non voglio crederci. il cavolo rapa è un ortaggio degnissimo, ottimo, e merita la nostra attenzione. e le nostre forchette.

per chi volesse sapere come si fa, la pasta col cavolo rapa, ammesso che riesca a trovarlo, è molto semplice: basta tagliarlo a fettine sottili e metterlo in un tegame con olio, aglio, e un dito d’acqua, tipo zucca, insomma. fino a che non diventa tenero tenero. sale e pepe cu bi, e vualà. io poi ci metto il parmigiano, ma non faccio testo, perché lo metto praticamente su tutto. pasta consigliata, decisamente i cavatelli, ma quelli un po’ più lunghi, non quelli corti corti.

insomma, se siete fan dei broccoli, dei cavoli, dei cavolfiori, il cavolo rapa fa per voi. se no, siete degli ignoranti.

per chi non lo trovasse e fosse seriamente intenzionato a provarlo, si possono organizzare delle degustazioni. no perditempo.

EDIT: so anche una barzelletta sul cavolo rapa.

rapa: “pasta, facciamo una ricetta insieme?”
pasta: “col cavolo, rapa.”

foto scattata dalla signora maria.

foto scattata dalla signora maria.

lavastoviglie per gentile concessione del signor a.c. e dei suoi coinquilini.

lavastoviglie per gentile concessione del signor a.c. e dei suoi coinquilini.

Pagina successiva »