letto approvato e sottoscritto.

e visto che siamo in argomento musica, ne approfitto per ribadire che a me cravattini e chitarrine e pettinature finocchie hanno-rotto-i-coglioni. piazzati davanti al canale di brand new alle due del pomeriggio: arrivato a sera non sarai più in grado di distinguere quello che hai visto e ascoltato. giuro.
tutti identici: dalle stringhe alle smorfie ben inquadrate. dalla prima nota all’ultimo urletto. questa massa di pupazzi che fino a cinque anni fa suonava britpoop (la “o” in più è voluta, se sai l’inglese sai perché), o più probabilmente studiava per l’esame di quinta elementare, tutto a un tratto ha scoperto di possedere una vocazione ribelle e dark e autodistruttiva da copertina di vanity fair.
quando se non sono rockers, sono boy band protopunk.

a capodanno sono stata a ballare in un posto al cospetto del quale i frequentatori del plastic/londonloves impallidirebbero: sembrava di stare dentro uno spot l’oreal fissante estremo.
_

Annunci