il sunto

lo zecchino d’oro dell’underground

veneer di josè gonzalez

bossanova dei pixies

comprare tre dischi, giocare a singstar, comprare le pantofole nuove, vedere film inutili perché brutti e finto horror o perché divertenti ma scemi, leggere il forum di nintendogs, mangiare un sacco, andare in giro, fare aperitivi e dopocena, giocare a nintendogs, giocare a nintendogs, spendere i trenta euro della cartapiù feltrinelli (viva viva le carte fedeltà) per comprare supermario64 ds, vedere i palinsesti feriali pomeridiani, farsi fare in continuazione l’imitazione di un tizio che non conosci però fa troppo ridere.

queste, e altre cose, si fanno in cinque giorni di vacanza, poi torni in ufficio senza un briciolo di voglia con la netta consapevolezza che le cose importanti sono fuori di qui, e zero interesse o preoccupazione, e anche se è una sensazione tutto sommato rilassante pensi che il mondo è comunque un po’ stronzo, come le maiko che sono costrette a dormire scomode per conservare le loro costosissime pettinature finché sono maiko, e solo quando diventano geiko e geishe possono usare una parrucca e dormire comode.
la società odia gli apprendisti, dispensa mazzate per superare il trauma di quelle subite prima da chi era più forte.
e l’ignoranza è la nuova frontiera dello snobismo.

ps: cazzo, è vero. vanilla sky è di cameron crowe. non ci avrei giocato un soldo.

pps: il link che stavamo aspettando tutti. ZOOKEEPER ONLINE! yeah.
_

Annunci