(clicca sulla foto per saperne di più)

soltanto ieri, dico soltanto, abbiamo comprato l’ennesima raccolta di inediti dei nirvana.
che si chiama “sliver” e contiene le versioni demo di molti pezzi che sono live in “with the lights out”.

ecco, noi ricordavamo krist (kris o christ o chris) novoselic con una chioma folta e liscia.
ricordavamo come la agitasse sul palco dove suonava scalzo (molto spesso).
un basso nero che gli ondeggiava inesorabile sul bacino.
mentre lui ripeteva su ogni pezzo (praticamente) lo stesso riff in fa sibemolle soldiesis labemolle.
primacordaprimotasto secondacordaprimotasto primacordaquartotasto secondacorda quarto tasto.
indossava terribili camicie da boscaiolo dello stato di washington.
jeans sdruciti.
le stesse camicie di flanella che abbiamo indossato intorno ai quattrodici anni.
con i levi’s stracciati sul culo e le dottormartins che mamma ha buttato via.
quelle docmartens che hanno visto il concerto del “castello” ma non sono arrivate a marino.
per colpa di uno stupido compito di biologia.
(che per inciso è andato male, tremmezzo)

ecco. noi ai nirvana ci volevamo bene un sacco.
e pure a krist (chris, christ, kris o come cristo si chiama) civolevambeneunsacco.
e quando si dice un sacco significa che abbiamo comprato pieni di fiducia.
nonostante le recensioni negative.
il disco degli sweet 75.
quello verde che è stato ascoltato tre volte e poi catalogato tra gli acquisti sbagliati-ma-dovuti.

ecco. noi il grunge l’abbiamo ascoltato, sentito e un pochettino pure vissuto e suonato.
è quindi (con immenso dispiacere) che ci sentiamo profondamente in diritto di esclamare a granvoce.
cris: mavafammoc.

tu, la democrazia, le elezioni, la seghelettrica e la chiavinglese.
vafammmmmmmoc!

sinceramente
alcuni appassionati fan dei nirvana.

*asha, troppo gentile, troppo esagerata.
_

Annunci