ciao blog-o-sfera, pensavi di esserti liberata di me, e invece, invece no.

duesettimanedue di lontananza da terminali elettronici, per carico di lavoro fuori dall’ufficio abbastanza imponente.

questo tuttavia, non esimerà i miei prodi lettori dallo sfracassarsi inesorabilmente le palle sorbendosi riga per riga il resoconto dettagliato della mia crescita spirituale delle mie ultime settimane.

(chi riesce a dimostrarmi con prove tangibili di essere arrivato a leggere oltre questa riga, e fino alla fine del post, vince un adesivo della prestigiosa collezione “fatakarabina”, più una lontana probabilità [non confermabile] di avere un drink in omaggio, casomai ci vedessimo a qualcuno di quegli aperitivi dei bloggherz.)

mentre il papa e ranieri morivano, entrambi al grido di “santo subito” (bella libanese per il title della pagina), mentre carlo e camilla si sposavano, alla faccia di ledi diana, e mentre si consumavano dirette su dirette televisive, io:

ho comprato il disco di miss violetta beauregarde;
ho comprato un disco degli interpol intitolato turn on the bright lights;
ho visto scarface, generazione x, bird, vertigo e tutta un’altra serie di film in dvd di cui sono entusiasta;
ho scoperto che un secondo nei programmi di editing audio e video è composto da 24 unità dette frame;
ho mangiato i ravioli alla zucca con il ragù fatto da me;
ho mangiato gli spiedini quattrosaltinpadella;
ho esplorato molto bene la zona dei cinesi;
ho ricominciato a recuperare zerodue nei locali;
ho perso il concerto dei blonde redhead;
ho comprato un paio di scarpe fornarina a un prezzo ridicolo e ho compensato comprando una canottierina a un prezzo decisamente esagerato ma la scritta era così carina;
ho verificato che le cose che dovrebbero accadere ogni morte di papa in realtà non accadono nemmeno ogni morte di papa. peccato, perché io già immaginavo il caos nel mondo, tutto in un momento. tutti gli autobus che arrivano in orario, squadre che vincono scudetti, fidanzati che fanno regali alle fidanzate, fidanzate che arrivano in orario agli appuntamenti coi fidanzati, io che ritrovo uno dei tremila oggetti che ho perso… invece niente, niente caos, solita routine, peggiorata da vespa;
ho notato che tuttosommato in video non sono orrenda come allo specchio. chissà come mai;
ho acquisito due prestigiose carte da aggiungere alla mia collezione di prestigiose carte tra cui spiccano il badge per le porte dell’ufficio e la fidaty card: la millemiglia card e la carta dei servizi della regione, con tanto di microchip e banda magnetica;
ho acquistato un magnifico cd per pc contenente BUBBLE BOBBLE e RAINBOW ISLAND;
ma soprattutto
e dico soprattutto
ho giocato per la prima volta alla playstation.

le mie esperienze di gioco comprendono, per il momento, due giochi estremamente impegnativi:
questo e questo.
i prossimi passi comprenderanno l’acquisto di una memory card, naturalmente, nonché, quando scenderanno le quotazioni, l’acquisto di:
questo e questo.

concluderei con una citazione che per la sua bellezza non necessita di essere commentata.
“quattro quattro quattro. quattro stelline… quattro paperette… ma tu sei quattro volte matto!”
**stagista is proud to be a vodafone customer**

spoiler:
nel prossimo post parlerò dei funerali del padre di albano carrisi.

Annunci