alle otto di mattina suona la sveglia.

mi alzo, vado in bagno ad occhi chiusi e come primo gesto della toletta quotidiana vomito.

[azz che inizio pulp.]

mi piacerebbe pensare che è il mio corpo che reagisce a tutto il mondo sviluppando un senso di allergia, una sorta di indigeribilità, e invece sono sicuramente i ciupiti di ieri- ieri sera il ciupito più grande del mondo, mezzo bicchiere grande di rum e mezzo bicchiere grande di succo di frutta.

infatti qui a milanopoli le feste sono continuamente innaffiate di alcol nefasto, gratis e mischiato a caso.

se non bevi pare brutto, poi il barman magari si offende. bevi pagando cinque/otto euri a bicchiere e non bevi adesso che te lo regalano? eddai, è uno schiaffo alla povertà non bere.

in un momento di confusione devo aver scritto sul cellulare un nuovo item per la to do list.

“ricordarsi di controllare se gli accendini funzionano prima di metterli in tasca”

Annunci