ci vuole pelo sullo stomaco per scrivere aforismi a pagamento sul salame.

ad esempio.

pelo sullo stomaco a sentire gli amici che dicono che una pubblicità è agghiacciante, e l’hai fatta tu, e non puoi spiegargli che è vero, scrivi per la pubblicità, ma quel testo non l’hai scritto tu. gli amici non sanno dei reparti marketing.

ci vuole pelo sullo stomaco a firmare un esecutivo con un titolo che ormai è il cammello di quindici salme diverse, e non ha più nulla a che fare non solo con quello che avevi pensato tu, ma anche con qualsiasi cosa che abbia senso in italiano e rispetto alla foto sopra cui campeggia.

ci vuole pelo sullo stomaco a sapere di dover scrivere una cosa che sarà sempre un po’ stupida, tamarra, ma è quello che serve.

beh sì, ci vuole pelo sullo stomaco.

pensa cosa ci vuole per scrivere “l’ultimo viaggio di jessica e sabrina” sulla home page del corriere.

(ma sono solo io che ci vedo dell’umorismo?)

Annunci