scrivere un dialogo è come dirlo.

dirlo è come scriver(se)lo.

spesso mi sono trovata a pensare “se è tutto vero, è fichissimo. se è tutto inventato, è geniale.”

c’è differenza, per iscritto, o su un blog, se vogliamo, tra una cosa successa veramente nella realtà o successa soltanto nella testa di chi scrive?

e se chi scrive invece di scrivere narrasse a voce, cioè, raccontasse?

quanta scrittura c’è nel mondo, fuori dalle cose scritte?

boh?

*sono sicura che i raffinati lettori del mio blog apprezzeranno la rotondità di questa traduzione letterale.

Annunci